Contabilità condominiale: emissione ed incasso rate
18 Luglio 2022
Contabilità condominiale: lo stato patrimoniale
26 Luglio 2022

 

Contabilità condominiale: il consuntivo di fine gestione


 

Più volte abbiamo fatto riferimento a questo importante traguardo contabile, oggi finalmente spiegheremo come deve essere compilato il consuntivo di fine gestione.

Da questo conteggio verranno prodotti i conguagli di fine bilancio per ogni condomino, è quindi essenziale la massima precisione per evitare di riportare errori nella prossima gestione. Vediamo come devi procedere.

Prima di cominciare, ricorda che in presenza di più bilanci che ricadono nello stesso intervallo di date, dovrai produrre un consuntivo dedicato ad ognuno di questi. Non è possibile creare un solo consuntivo se hai deciso di aprire più bilanci.

Ad esempio, hai un bilancio ordinario che inizia l’1 gennaio e termina il 31 dicembre, esattamente con un bilancio straordinario. Dovrai generare un consuntivo per l’ordinario ed un altro per lo straordinario.

Rendiconto consuntivo

Devi comporre un elenco di tutte le fatture che hai ricevuto, suddivise in base al piano dei conti. Devi riportare la denominazione del fornitore che ha emesso la fattura ed almeno la data del documento. Potrai aggiungere anche la data di pagamento.

Per data di pagamento si intende quella di quando hai saldato la fattura, ovvero la data in cui hai versato le ritenute. Se non hai pagato le ritenute, potrai utilizzare la data in cui hai pagato solo la fattura.

Rendiconto consuntivo di fine gestione

Devi indicare gli importi per mastro e poi il totale generale. Ricorda l’importanza dei segni. Solitamente nella contabilità condominiale si indica con il segno negativo il credito, con il segno positivo i debiti. Nell’esempio riportato, il condominio risulta a credito di 1.175,63€.

Ripartizione delle spese

Come già dovresti sapere dagli articoli dedicati ai preventivi ed alla registrazione delle fatture, ogni spesa deve essere ripartita in base ad un criterio impostato nei conti economici.

I criteri utilizzati possono essere molteplici: tabelle millesimali, letture di consumi, addebiti personali. Possono essere utilizzati anche contemporaneamente, ad esempio addebitando una parte della fattura a tutto il condominio e la rimanenza ad un singolo condomino (addebito personale).

Suddividendo l’importo della fattura con la tabella millesimale, otterrai quanto è stato imputato ad ogni condomino, per ogni fattura che ha ricevuto il condominio. Non importa che siano state pagate o meno, devono essere tutte ripartite.

La somma di tutte le spese ripartite, genera il totale ripartito (7).

Ripartizione del consuntivo di fine gestione

La formula sarà pertanto 👇

1 + 2 + 3 + 4 + 5 + 6 (somma degli importi per mastro) = 7 (totale riparto)

Per arrivare al nuovo saldo per ogni unità e/o condomino, si dovrà procedere a calcolare 👇

7 (tot riparto) + 8 (saldo gestione precedente) – 9 (versamenti) = Saldo finale

Specifichiamo che:

7. il totale riparto è composto dalla somma degli importi ripartiti su ogni mastro. I totali ripartiti per mastro sono ottenuti dalla somma degli importi per ogni sottoconto;
8. il Saldo gestione precedente è il conguaglio finale del bilancio precedente, riportato come iniziale nel bilancio in corso.
Ovviamente se il conguaglio è negativo (a credito), l’importo va sottratto;
9. i versamenti da riportare sono solo quelli riferiti a questo bilancio, non quelli eventualmente collegati ad altri bilanci. Ad esempio, hai una gestione ordinaria ed una straordinaria. Un condomino versa 600€ per le rate dell’ordinaria e 400€ per la straordinaria con un unico bonifico di 1000€. Dovrai riportare solo 600€! Dovrai inserire i 400 nel riparto consuntivo del bilancio straordinario.
10. conguaglio di fine gestione. Questo sarà l’importo che riporterai come valore contabile iniziale nel prossimo bilancio.

Il consuntivo di fine gestione

Abbiamo visto che il tuo consuntivo di fine gestione dovrà essere composto da Rendiconto e Riparto. Il primo sarà utile ai tuoi condòmini per prendere visione delle spese che hai registrato, il secondo servirà a mostrare come le hai ripartite.

Purtroppo non è finita qui. Dovrai ancora procedere a generare lo Stato patrimoniale e la Nota integrativa. Anche queste parti costituiscono un obbligo per l’amministratore, compresi gli amministratori/condomini. Dedicheremo altri articoli a questi argomenti. Continua a seguirci anche su Facebook per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni.

Consuntivi Arcadia

Arcadia è un valido aiuto anche per i consuntivi. Una volta costituiti i conti economici, collegati alle tabelle millesimali, ripartisce automaticamente le fatture registrate dei fornitori.

Devi solo lanciare l’elaborazione cliccando su un unico tasto e produrrai tutto quello che ti serve.

Dettaglio consuntivo di fine gestione

Otterrai immediatamente la ripartizione, generando automaticamente il saldo di fine gestione, dedicato ad ogni unità o persona che compone l’anagrafe condominiale.

Riparto consuntivo di fine gestione

Al termine delle operazioni, potrai distribuire le stampe inviandole tramite e-mail, PEC o procedere con il postalizzatore in modo da farle consegnare per posta. Potrai metterle anche a disposizione tra i documenti condivisi sul portale ed app dedicati ai condomini.

Portale condomini con stampe consuntivo di fine bilancio

Richiedi maggiori informazioni per Arcadia dedicato agli amministratori/condomini

Nicola Prencipe
Content manager e web strategist di OS Informatica. Fa parte dell'organico di Safoa - Scuola di Alta Formazione per amministratori di condominio. Docente corsi DM 140/14. Organizza seminari di web marketing e strumenti informatici dedicati agli amministratori di condominio. Consulente per l'organizzazione degli studi di amministrazione immobili. Cura l'istruzione e l'assistenza di Arcadia, il software gestionale per amministratori di condominio. Autore di manuali di web e social media marketing studiati gli amministratori di stabili.
CONTATTI